Assemblea generale, approvato ordine del giorno province e città metropolitane

A 5 anni dalla riforma delrio e dalle scelte finanziarie che hanno imposto un prelievo forzoso insostenibile, le province e le città metropolitane continuano a vivere una situazione di profonda incertezza sulla prospettiva istituzionale e sulla chiusura dei bilanci. Questa situazione incide in modo drammatico sulla garanzia di servizi ai cittadini, nonché sulle condizioni di lavoro del personale che ha subito in questi anni un attacco senza precedenti. A ciò si aggiunge la carenza di personale anche a seguito dei processi di mobilità in uscita e dei pensionamenti che rende ancora più problematica la gestione di questi enti.
Troppe sono le amministrazioni che non riescono a chiudere i bilanci ed in crisi ormai strutturale, come nel caso drammatico degli enti siciliani.
Per tali ragioni si rende necessario intervenire sul finanziamento e sulle politiche occupazionali degli enti, a partire dal superamento dei vincoli sulle assunzioni del personale. L’assemblea generale della fp cgil dà mandato alla segreteria nazionale affinché metta in campo tutte le iniziative necessarie per ottenere una reale discontinuità delle politiche finora messe in campo.