Polizia Municipale Milazzo, il Giudice del lavoro dà ragione ai lavoratori rappresentati dalla FP CGIL

A difendere i dipendenti, ingiustamente accusati di assenze ingiustificate dal servizio e abbandono del posto di lavoro la FP CGIL con i propri legali. Per la FP CGIL «si mette la parola fine ad una vergognosa vicenda»

«La vittoria ottenuta in Tribunale dai lavoratori della polizia municipale di Milazzo iscritti alla FP CGIL e rappresentanti dai legali dell’organizzazione sindacale, mette finalmente la parola fine ad una vergognosa vicenda iniziata ormai 5 anni fa, che ha visto protagonisti, loro malgrado, dei dipendenti esenti invece da qualsiasi colpa». Questo il commento del Segretario Generale della FP CGIL di Messina Francesco Fucile e del Coordinatore Territoriale Nino Cammaroto, all’indomani delle sentenze dello scorso 4 giugno firmate dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, dott. Giuseppe D’Agostino, che in qualche modo riparano al grave danno d’immagine subito dai lavoratori della Polizia Municipale del Comune di Milazzo, che nel 2015, si sono visti contestare addebiti disciplinari gravi per assenze ingiustificate dal servizio e abbandono del posto di servizio. «E’ stato acclarato – affermano Fucile e Cammaroto – che i Vigili Urbani depositavano presso il loro Comando le richieste di permesso nei tempi previsti dalla normativa contrattuale e nel rispetto delle regole, mentre a non rispettare le procedure era proprio il Comando che le trasmetteva con ritardo, anche notevole, all’Ufficio del Personale del Comune. Ufficio quest’ultimo, che non avendo contezza del giustificativo, riteneva il personale assente ingiustificato. La verità, però, è finalmente venuta fuori, le sentenze condannano il Comune e riconoscono ai lavoratori il diritto a vedersi restituire le trattenute pecuniarie subite, la cancellazione delle sanzioni disciplinari dai loro fascicoli personali».